Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Aggiornamenti sulla guerra Ucraina-Russia: Volodymyr Zelensky afferma che “l’intero progetto europeo” è in pericolo mentre le forze russe rinnovano l’offensiva nell’Ucraina orientale

Gli abitanti dei villaggi ucraini contano i morti dopo settimane di reclusione nel seminterrato della scuola

Reuters: Marko Djuric

I nomi dei morti sono scritti su un muro scrostato nel seminterrato di una scuola dove i residenti dicono che più di 300 persone sono rimaste intrappolate per settimane dagli occupanti russi a Yehidni, un villaggio a nord della capitale ucraina, Kiev.

Halina Tolochina, un membro del consiglio del villaggio, ha lottato per ricomporsi mentre sfogliava il menu, scritto in nero su gesso su entrambi i lati della porta verde, nella cupa guerra in cui lei e centinaia di altri erano tenuti.

A sinistra della porta sono scritti i nomi delle sette persone uccise dai soldati russi. Sulla destra, ha detto, ci sono dieci nomi di persone morte per le dure condizioni nel seminterrato.

“Questo vecchio è morto per primo”, ha detto Tolochina, riferendosi al nome Muzica D, di Dmytro Muzica, la cui morte è stata registrata il 9 marzo.

Ha detto che il corpo del signor Muzika è rimasto per alcuni giorni in un locale caldaia fino a quando alcune persone non sono state autorizzate a trasportare i morti per la sepoltura in fosse frettolosamente scavate nel cimitero del villaggio mentre i bombardamenti erano cessati.

La Reuters ha parlato con sette residenti di Hudna che hanno affermato che un totale di almeno 20 persone sono state uccise o uccise durante l’occupazione russa. Le autorità ucraine non hanno annunciato alcun bilancio ufficiale delle vittime.

La Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente i conti degli abitanti del villaggio. I giornalisti hanno visto una tomba appena scavata in un campo vicino al villaggio e due corpi avvolti in teli di plastica bianca.

READ  Viva la carenza di manodopera!

Il Cremlino non ha risposto alle richieste di commento sugli eventi della tregua.

L’ultima vittima iscritta sui muri del seminterrato, Nadya Podchenko, è morta il 28 marzo, due giorni prima che le forze russe si ritirassero dal villaggio quando la loro corsa verso la capitale ucraina fosse interrotta, ha detto Tolochina.

Oltre a quelli, per lo più anziani, che sono morti per esaurimento in condizioni soffocanti e anguste, Tolochina ha menzionato i nomi di altri che ha detto sono stati uccisi dai soldati russi, tra cui Viktor Shevchenko e suo fratello Anatoly, meglio conosciuto come Tolya.

Reuters