Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Acquisizione del telegrafo: il Regno Unito vieta la proprietà dei giornali da parte di stati stranieri

Acquisizione del telegrafo: il Regno Unito vieta la proprietà dei giornali da parte di stati stranieri
  • Scritto da Brian Wheeler
  • Reporter politico

Fonte immagine, Immagini Getty

Il governo britannico ha affermato che ai governi stranieri sarà vietato possedere giornali e riviste britanniche.

Ciò fa seguito alle critiche alla proposta di acquisizione dei giornali Daily Telegraph e Spectator da parte di RedBird IMI, sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti.

Il governo ha affermato che la legislazione proposta “fornirebbe una protezione aggiuntiva alla libertà di stampa”.

Un portavoce del gruppo finanziato dagli Emirati Arabi Uniti ha affermato di essere “estremamente deluso dallo sviluppo di oggi”.

Il Partito Laburista ha indicato che sosterrà questo cambiamento, che costituirà un emendamento alla nuova legge che sarà discussa la prossima settimana.

C’è stata una crescente pressione trasversale sui partiti affinché il governo agisse e mercoledì si trovava ad affrontare una possibile sconfitta alla Camera dei Lord da parte di colleghi che volevano vedere un’azione urgente.

Annunciando il divieto, Lord Parkinson di Whitley Bay ha affermato che la nuova legge “escluderebbe fusioni di giornali e riviste periodiche che implicano la proprietà, l'influenza o il controllo di stati stranieri”.

Ha aggiunto che il governo presenterà un emendamento al progetto di legge sui mercati digitali, sulla concorrenza e sui consumatori – che sarà letto per la terza volta la prossima settimana – per impedire tali accordi.

Lord Parkinson ha inoltre confermato che il divieto di acquisizione non si applicherà alle emittenti.

Il fondo è posseduto al 75% da Sheikh Mansour, vice primo ministro e vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti, noto nel Regno Unito per aver trasformato il Manchester City Football Club.

Lord Parkinson ha suggerito che la nuova legge del governo potrebbe applicarsi all'acquisizione del Telegraph Media Group se la legge verrà approvata rapidamente.

Ma fonti vicine alla questione hanno detto al redattore economico della BBC Simon Jack che l’offerta probabilmente fallirà, a causa della crescente opposizione politica.

L'annuncio di mercoledì solleva seri interrogativi sulla possibilità di riprendere l'acquisizione di RedBird IMI.

In una dichiarazione in risposta alla mossa, un portavoce della società ha affermato che “rimangono impegnati” a investire nei media globali, aggiungendo: “Ora valuteremo i nostri prossimi passi, con gli interessi commerciali che continueranno a essere l'unica priorità”.

Hanno continuato: “Ad oggi, Redbird IMI ha effettuato sei investimenti nel Regno Unito e negli Stati Uniti e riteniamo che l’ambiente mediatico britannico meriti ulteriori investimenti.

“Come per ciascuno dei nostri accordi, eravamo chiari sul fatto che l'acquisizione di The Telegraph e The Spectator era un'impresa interamente commerciale.”

Altri offerenti per i giornali includono il magnate degli hedge fund Sir Paul Marshall, proprietario di GB News, i proprietari del Daily Mail DMGT e di Rupert Murdoch's News UK.

Andrew Neil – il presidente di Spectator che ha fortemente criticato la proposta di acquisizione – ha detto che l'intervento del governo mercoledì significa che l'offerta degli Emirati Arabi Uniti “appare ora morta nell'acqua”.

La baronessa Stowell, presidente del Comitato per le comunicazioni e il digitale ed ex ministro del governo conservatore, ha lanciato appelli tra i partiti per impedire che le potenze straniere prendano il controllo delle organizzazioni dei media del Regno Unito.

Ha detto ai colleghi: “Non possiamo ignorare che la fiducia del pubblico nelle notizie, nel Parlamento e nella classe politica è diminuita drasticamente negli ultimi anni.

“Consentire ai governi stranieri di possedere una parte così importante e sensibile della nostra nazione danneggerebbe ulteriormente la fiducia del pubblico in tutti noi, se consentito a farlo”.

Sia il governo che i laburisti hanno ritenuto che l'emendamento alternativo della controparte conservatrice alla legge sui mercati digitali, sulla concorrenza e sui consumatori fosse impraticabile.

Lord Parkinson ha detto che il governo spera invece di apportare la modifica in una fase successiva del disegno di legge.

Spiegando come funzionerebbe, ha affermato che il governo deferirà le proposte di fusione dei media all'Autorità per la concorrenza e i mercati qualora vi fossero “fondati motivi” per ritenere che l'accordo “darebbe a uno stato straniero o a un ente legato a uno stato straniero la proprietà, l'influenza o il controllo ”.

Ha continuato: “L'Autorità per la concorrenza e i mercati sarà obbligata a indagare sulla potenziale fusione e, se conclude che la fusione ha o darà come risultato la proprietà, l'influenza o il controllo di un'organizzazione giornalistica da parte di uno Stato straniero, il Segretario di Stato sarà tenuto a per legge emanare un provvedimento che vieti o annulli la fusione”.