Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

ACC vede lo sviluppo di una mega fabbrica in Italia legato alla crescita dei veicoli elettrici

ACC vede lo sviluppo di una mega fabbrica in Italia legato alla crescita dei veicoli elettrici

Reuters

Pubblicato il 04 dicembre 2023 alle 18:58

MILANO (Reuters) – Il produttore europeo di batterie per auto elettriche ACC ha affermato che i tempi di sviluppo della prevista fabbrica gigante italiana dipenderanno dal mercato dei veicoli elettrici nei prossimi anni. Lo hanno riferito lunedì i sindacati locali dopo un incontro con l’azienda.

Dopo anni di crescita accelerata, le vendite di veicoli elettrici in Europa sembrano entrare in una zona di rallentamento poiché i consumatori attendono modelli migliori e più economici e i tassi di interesse rimangono elevati.

ACC, una joint venture tra Stellantis, TotalEnergies (LON:TTEF) e il gruppo Mercedes-Benz, ha in programma di creare tre megafab in Europa. Ne ha già aperto uno in Francia. Ne seguirà uno in Germania, seguito dall’altro in Italia.

ACC prevede di avviare la produzione nella prima unità della sua megafabbrica italiana a Termoli alla fine del 2026, hanno affermato i sindacati dei metalmeccanici FIM, FIOM, UILM, Fismic, UglM e AqcfR.

“La seconda e la terza unità dovrebbero entrare in funzione nel 2027, ma i tempi esatti potrebbero essere influenzati dal passaggio generale all’elettrico (mobilità)”, hanno affermato i sindacati in una dichiarazione congiunta dopo l’incontro presso il Ministero dell’Industria italiano.

L’ACC non è stato immediatamente disponibile per un commento.

Secondo i sindacati, ACC ha confermato lunedì che lo stabilimento italiano, con un investimento totale di oltre 2 miliardi di euro (2,16 miliardi di dollari), darà lavoro a 1.800 persone entro la fine del 2029, come inizialmente previsto.

($1 = 0,9239 euro)

Ottieni l’app

Unisciti a milioni di persone che mantengono il controllo sui mercati finanziari globali con Investing.com.

Scarica ora

READ  Aggiornamento settimanale del mercato: è difficile sapere dove andranno le cose