Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Abbiamo offeso una nazione”: il trattamento riservato allo zoo di Miami agli uccelli kiwi fa arrabbiare la Nuova Zelanda | Nuova Zelanda

“Abbiamo offeso una nazione”: il trattamento riservato allo zoo di Miami agli uccelli kiwi fa arrabbiare la Nuova Zelanda |  Nuova Zelanda

Un dolcetto al kiwi allo zoo di Miami ha fatto arrabbiare migliaia di neozelandesi, che hanno lanciato una rabbiosa campagna per portare a casa il loro uccello nazionale e hanno spinto lo zoo a scusarsi.

Powera video – un kiwi rifugiato allo Zoo Miami – è stato maneggiato e accarezzato dagli ospiti sotto luci intense, provocando un putiferio quasi istantaneo in Nuova Zelanda.

Il kiwi solitario e notturno è così amato in Nuova Zelanda che l’abitante terrestre notturno, incapace di volare è diventato il simbolo nazionale del paese.

Il filmato è diventato virale in poche ore, provocando una petizione di 9.000 persone, un fiume di denunce allo zoo, l’intervento del governo da parte del Dipartimento per la conservazione e i commenti del primo ministro.

Mercoledì, il portavoce dello zoo Ron Magill ha detto che lo zoo “ha commesso un grosso errore qui”. Dopo aver ricevuto una marea di lamentele, “sono andato immediatamente dal direttore dello zoo e ho detto: ‘Abbiamo reso un disservizio a una nazione'”, ha detto in Intervista alla radio nazionale.

Più tardi quel giorno, il primo ministro Chris Hipkins ha espresso la sua opinione sull’incidente, affermando che “dimostra che così tanti kiwi sono orgogliosi del nostro uccello nazionale quando sono all’estero”.

“I neozelandesi che hanno visto cosa stava succedendo lì l’hanno capito molto velocemente”, ha detto. Il primo ministro ha aggiunto che lo zoo “ha rilasciato dichiarazioni pubbliche di rammarico per quanto accaduto, e lo riconosco e li ringrazio per aver preso sul serio la questione”.

Gli americani potrebbero essere rimasti sorpresi dall’immediatezza e dalla portata dell’indignazione per conto del kiwi, ma la Nuova Zelanda è straordinariamente dedita alla cura dei suoi uccelli endemici.

READ  Il testimone principale Cohen testimonia contro Trump nel processo segreto | Novità su Donald Trump

La precoce separazione del paese da altre masse continentali significa che non ha mammiferi terrestri nativi ed è invece abitato da un’ampia varietà di uccelli. Molti di loro sono ora in pericolo e sono in corso campagne nazionali per eliminare e salvare i predatori. I kiwi occupano un posto speciale nel cuore dei neozelandesi. I Maori lo considerano un Taonga (tesoro culturale).

Il Baura, un uccello di Miami, è stato allevato negli Stati Uniti come parte di un programma di allevamento.

Lo zoo ha iniziato a far pagare agli ospiti $ 25 per un “incontro di kiwi” per incontrare l’uccello. In un video pubblicato sui social media dello zoo, un mago si abbraccia e si gratta la testa con Bawra, mettendolo in mostra davanti a un gruppo di visitatori che gli danno da mangiare dei vermi. Dicono: “Gli piace essere accarezzato, è come un cagnolino e gli piace farsi accarezzare la testa”.

Uno spettatore ha immediatamente lanciato una petizione intitolata “Aiuta a salvare questo kiwi maltrattato”, sostenendo che era “sottoposto a luci fluorescenti luminose 4 giorni a settimana, gestito da dozzine di estranei, accarezzato sui suoi baffi delicati, riso e sfilato come un giocattolo .” .

In meno di un giorno si sono iscritte più di 9.000 persone. Altri hanno lanciato una campagna e-mail allo zoo, con alcuni che invitano il primo ministro Chris Hipkins a parlare direttamente con l’ambasciatore degli Stati Uniti e ad essere coinvolti. Il Dipartimento per la conservazione della Nuova Zelanda è intervenuto martedì, affermando in una dichiarazione che “vorremmo ringraziare tutti coloro che hanno sollevato preoccupazioni sulla pauora, il kiwi allo zoo di Miami” e che il dipartimento discuterà la situazione con l’American Association of Zoos e Acquari.

READ  La Thailandia ha ripristinato la quarantena obbligatoria COVID-19 per le preoccupazioni di Omicron

Meno di 24 ore dopo, Paura era di nuovo all’oscuro. Anche se l’uccello non verrà restituito alla Nuova Zelanda, ha detto lo zoo, l'”incontro con i kiwi” terminerà immediatamente e Paura non sarà più esposta alle luci fluorescenti. “Abbiamo ascoltato tutti quelli che ci hanno scritto – e ce n’erano molti”, ha detto Magill.

In una lunga scusa a uno dei denuncianti, lo zoo ha detto di essere “estremamente rattristato” e che l’incontro con i kiwi “non è stato, col senno di poi, ben pensato”.

“È particolarmente doloroso per tutti noi pensare che tutto ciò che è accaduto qui allo Zoo Miami sarebbe offensivo per una qualsiasi delle meravigliose persone della Nuova Zelanda”.