Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

90 anni e ancora in corsa, ultime novità sull’atletica leggera

90 anni e ancora in corsa, ultime novità sull’atletica leggera

Padova, Italia – Con la più grande popolazione di anziani nell’Unione Europea, con uno su quattro di età superiore ai 65 anni, non sorprende che l’Italia sia la patria della corridore femminile più veloce del mondo, che ha 90 anni.

Emma Maria Mazinga ha stabilito questo mese un altro record mondiale nella categoria 90 e oltre, correndo i 200 metri all’aperto in 51,47 secondi.

Nato il 1° agosto 1933, Mazzinga è una delle stelle nascoste dell’atletica italiana, detentrice attualmente di cinque record mondiali, nove record europei e 28 migliori italiani in varie categorie degli sprint Masters – gare competitive per corridori più anziani organizzate per categoria Età .

“Sono molto felice e soddisfatta, e sono anche un po’ sorpresa perché non pensavo di essere andata così veloce”, ha detto con modestia Mazinga dopo aver battuto il suo record il 5 maggio, battendo il precedente record di 53,35 secondi stabilito da Emiko Saito del Giappone. Nel 2022.

Il record mondiale dei 200 metri femminili, uno dei record più antichi nei libri di atletica leggera, è stato stabilito dalla defunta corridore americana Florence Griffith Joyner con un tempo di 21,34 secondi nel 1988. All’epoca aveva 28 anni.

Il record mondiale di atletica leggera per la categoria femminile dai 50 anni in su è di 24,33 secondi, detenuto dall’atleta sloveno-giamaicana Merlin Ottey, mentre il record femminile dai 70 anni in su è di 31,30 secondi, detenuto dalla tedesca Ingrid Mayer. Esiste addirittura un record per le donne di età pari o superiore a 100 anni, pari a un minuto e 29,79 secondi, detenuto dalla statunitense Diane Friedman.

READ  Manchester United e Tottenham "mirano a firmare £ 60 milioni" mentre Kylian Mbappé decide il destino dell'affare Neymar

Come molti atleti, Mazinga segue un rituale preciso nelle sue gare: corre rigorosamente senza calzini e non indossa mai le stesse scarpe che indossa durante l’allenamento.

Le piace anche godersi una birra con gli altri corridori per celebrare i suoi successi, anche se di solito non ha concorrenti diretti nella sua categoria W90.

“Se non avrò concorrenti, so che vincerò dall’inizio, quindi il mio obiettivo è divertirmi”, ha detto il giorno dopo il suo ultimo record mondiale, lucidando i trofei esposti nel suo soggiorno.

Correva da giovane, ma si fermava per molti anni dopo essersi sposata e aver avuto figli.

La sua carriera di corsa come atleta Masters, iniziata all’età di 53 anni, è stata un’importante fonte di conforto per gli ultimi anni di Mazinga.

“Ho attraversato momenti difficili, che ovviamente non mi sono mai persa in tutta la mia vita”, ha detto.

“La corsa mi ha permesso anche di essere sempre circondata da tante persone, quindi non sono mai stata sola”, ha aggiunto.

Tra i prossimi impegni ci sono i Campionati Italiani a partire da giugno e lei punta ai Mondiali in Svezia l’anno prossimo, ma Mazinga ha scherzato dicendo che preferisce “non fare progetti a lungo termine”. –Reuters