Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

10 ristoranti perenni diamo addio al 2021 e 2 deliziosi rinascimenti

10 ristoranti perenni diamo addio al 2021 e 2 deliziosi rinascimenti

I frequentatori della Bay Area salutano molti amati ristoranti nel 2021.

Le persone che applaudiamo qui sono le preferite da generazioni. Alcuni chef e proprietari hanno deciso di andare in pensione; Altri non potevano permettersi di fare affari in questa era della pandemia, hanno perso i loro contratti di locazione a causa di piani di riqualificazione o semplicemente hanno cambiato casa.

Qui, in ordine di continuità, da 30 anni o più operano 10 ristoranti che hanno chiuso i battenti. Facci sapere se ci siamo persi una delle tue cose preferite.

Ristorante nativo americano, circa 125 anni: Questo storico e accogliente ristorante italiano nel quartiere di North Beach a San Francisco ha visto una successione di indirizzi e proprietari nel secolo scorso, anche se i dettagli su chi possedeva il ristorante e quando potrebbero essere persi nella storia. Una cosa è certa: gli Stati Uniti nel nome non rappresentano gli Stati Uniti. È un’abbreviazione di Federazione sportiva — Un cenno ai club sportivi italo-americani in cui il ristorante ha cenato negli anni 1890, dice il sito. secondo Cronaca di fantascienzaIl comproprietario Alberto Cipollina ha chiuso il conto per pensione (ha 77 anni) e problemi di personale pandemico.

Bates N, 88 anni: Patty’s è stato conosciuto nel corso dei decenni come un bar della classe operaia, un classico delle immersioni e un ritrovo per gli amanti dei San Jose Sharks, ma abbiamo scoperto che un numero sufficiente di clienti ha apprezzato i “pranzi liquidi” qui da contare sul menu dei ristoranti. Inoltre, il proprietario Ken Solis serviva carne di manzo ogni giorno di San Patrizio. Il bar aprì nel 1933 alla fine del proibizionismo. Come scrive l’editorialista Sal Pizarro, “L’edificio del 1890 è sopravvissuto al terremoto di Loma Prieta, all’incendio del 1993 e alla costruzione di Shark Tank a pochi isolati di distanza, ma i piani di Google per sviluppare l’area per il suo campus a ovest del centro si sono rivelati troppo. ” “

Ann’s Coffee Shop, 75 anni: Dal 1946, il Café Ann in Santa Cruz Street a Menlo Park serve soffici pancake, pancake fatti in casa e caffè caldo per tutti, dai soldati di ritorno dalla guerra, ai nuovi sobborghi negli anni ’50 e ’60, agli amministratori delegati della penisola, secondo il nostro corrispondente Aldo Toledo. . Il cliente Al Peters ha descritto l’Ann’s Restaurant come “un buon ristorante in stile americano che non esiste più nella Silicon Valley”. I blocchi pandemici e i piani di sviluppo imminenti mettono fine al desiderio del proprietario Nicki Poulos di vedere la cena raggiungere quota 100.

READ  Gioco da tavolo, concetto di ristorante in arrivo a Chandler; I prezzi medi delle case superano i $ 450.000 a Gilbert e altre notizie sulla zona

Long Coal Pit, 61 anni: Il Longhorn Charcoal Pit di Sunnyvale ha preparato il suo ultimo panino alla bistecca in ottobre, con piani di sviluppo all’orizzonte per il Fremont Corners Center su Fremont Street e Saratoga-Sunnyvale Road. Il sindaco di Sunnyvale Larry Klein ha cenato a Longhorn mentre fa campagna contro la pandemia per sostenere le imprese locali. Sfoglia oltre 100 ristoranti. “Questa è una classica esperienza di cena del passato, con lampadari di carri, armamentario occidentale e ritratti di John Wayne sul muro”, ha scritto nel suo resoconto.

Quercia Nera, 51 anni: Per molte famiglie, guidare tra la Bay Area e Sacramento/Tahoe per decenni ha spesso significato fermarsi in uno dei tre leggendari ristoranti per viaggi su strada con negozi di souvenir fuori dall’Interstate 80 a Vacaville: The Nut Tree, The Coffee Tree o The Black. Quercia. L’ultimo sopravvissuto del trio ha servito fast food e servito all’aperto durante la pandemia, ma i proprietari hanno annunciato una chiusura a febbraio. Centinaia di fan in lutto si sono rivolti ai social media per lamentarsi della perdita, non solo per il ristorante ma per un altro pezzo di storia locale. “Distrutto!” Libri di Heather Rogers. “Vacavel non sarà più lo stesso!!”

La cucina di Melise, 46: A metà dicembre, Eva Clement, proprietaria di Millie’s Kitchen, ha annunciato che si sarebbe ritirata e avrebbe chiuso il ristorante per la colazione a casa Lafayette noto per la sua torta al caffè sbriciolata e Santa Fe. “Nel corso dei decenni, Millies è stata conosciuta come un luogo creativo della comunità per la colazione o il pranzo, un luogo dove i poliziotti si incontrano, i bambini possono comprare Tootsie Pop per un centesimo e forse anche individuare uno dei loro giocatori preferiti di Auckland”, la nostra corrispondente Jessica Yadegaran ha scritto.

Cactus Baja, 36 anni: Con l’edificio venduto e nessuna opzione per rinnovare il contratto di locazione, a marzo Ana e Tony Peña hanno chiuso il loro Milpitas, un pilastro del cibo messicano in stile Baja. Questa è stata un’operazione di famiglia dal 1985, quando i fondatori Jose ed Edelmira Banuelos hanno aperto ricette per l’enmolada, il peperoncino verde e i frutti di mare dalla loro nativa Ensenada prima di trasferirsi a sud per aprire un altro ristorante e lasciare Baia Cactus nelle mani della seconda generazione. Sheila Hemmel, residente di Mercury News, ha descritto il ristorante come “l’orgoglio dei Milpita da 84 posti”.

READ  Netflix Originals in arrivo su Netflix a dicembre 2021

Oliveto, 35 anni: L’Oakland Bob e Maggie Klein Shrine to Seasonal California Cuisine è stata una destinazione gastronomica per i californiani del nord per così tanto tempo che è difficile immaginare il famoso Rockridge Corner senza Oliveto. Nel corso degli anni, loro e chef di prim’ordine, tra cui Paul Canalis, Michael Tusk e Paul Bertoli, hanno abbracciato pienamente la zootecnia, ospitato cene al tartufo bianco, celebrato pomodori antichi, presentato frutti di mare sostenibili, pasta artigianale e aperto la strada a un nuova generazione di collegi italiani esigenti. Dopo il suo ritiro, Bob Klein si dedicherà a lavorare per Community Grains, un’azienda storica di grano e farina integrale che ha fondato per sostenere gli agricoltori della California.

Rifugio Ranger, 31 anni: Questa catena giapponese ha suscitato molto scalpore quando ha portato le sue ciotole di fast food a San Jose nel gennaio 1990, secondo un articolo di Mercury News intitolato “Attento a McDonald’s, stai per imbatterti in udon noodles”. La folla si è accalcata a Saratoga Street per provare lo champagne Nagasaki, descritto come una miscela rilassante di noodles udon con calamari, gamberi, torta di pesce, manzo, cavolo, mais e germogli di soia in brodo di maiale. Decenni dopo, i clienti sono impressionati dal fatto che questa sia ancora la migliore versione del campione nella Bay Area. La buona notizia: il famoso udon mogizo di San Francisco serve ciotole di pasta in questo posto.

Shiki giapponese, oltre 30 anni: Questo meraviglioso ristorante a South San Jose è stato amato per il cibo e il servizio. Ogni cliente aveva un piatto preferito, forse una combinazione di tempura di calamari, katsu o teriyaki. La madre è morta quest’anno, spingendo questo annuncio sulla porta: “Purtroppo dobbiamo chiudere definitivamente a causa di un’emergenza familiare. Grazie per tutto il vostro sostegno nel corso degli anni. — Sheki. ” I clienti hanno pubblicato le loro condoglianze e note di apprezzamento, insieme ai loro migliori ricordi dei piatti, su Yelp e Reddit.

READ  Tutto sulla prossima versione italiana di Netflix Original Zero

Chiusura a gennaio:

Casa Nordica, 59 anni: Dal 1962, Nordic House, sia ad Auckland che nell’attuale sede di Berkeley, è stata una destinazione per lo shopping per gli scandinavi alla ricerca di specialità culinarie danesi, svedesi e norvegesi, dal pesce affumicato alla liquirizia salata. Hai solo pochi giorni per fare scorta di prodotti importati e fatti in casa, poiché il proprietario Pam Klausen chiuderà a gennaio. “Sfortunatamente, le nostre leggi sull’importazione sono molto rigide, il che rende impossibile la sopravvivenza di un piccolo negozio come il nostro”, ha affermato Clausen. Berkleeside.

Cocco, 50 anni: Il proprietario dello chef Joseph Schultz, una leggenda di Santa Cruz, chiamerà la professione e chiuderà il suo ristorante à la carte di ispirazione asiatica e mediorientale dopo una festa d’addio l’8 gennaio. . “Insegnerò lezioni a casa e organizzerò eventi di catering su piccola scala, ma non ho intenzione di aprire un altro ristorante. Cinquant’anni sono sufficienti. Sono in attività da cinque anni, dal 1972”, ha detto al nostro giornale gemello , la sentinella di Santa Cruz. Vedi, tuttavia, che la sua eredità di servizio alla comunità continui.

gioia che rinasce:

EL CHARRO, 73 La prima volta: Generazioni di residenti di East Bay che hanno festeggiato anniversari e compleanni con Chili’s Relleno e il famoso Garlic Carrow Retreat presso il punto di riferimento di Lafayette possono farlo di nuovo. Il ristoratore Benjamin Sipre ha acquistato El Charro dopo il fallimento e lo ha rilanciato a Walnut Creek con un menu leggero di piatti preferiti, oltre a nuove ricette, cimeli familiari e un tributo ai primi ristoranti messicano-americani della California. Enormi burritos e piatti combinati si uniranno presto alla scaletta.

Specializzazione 30 anni prima volta: Nove mesi dopo la chiusura della catena Specialty’s Cafe & Bakery, il marchio è stato rianimato all’inizio del 2021 – dai fondatori. Craig e Dawn Saxton, che hanno lanciato la caffetteria nel 1987 a San Francisco con Don Recipes e si sono espanse ampiamente, hanno venduto la catena nel 2017, acquistando l’azienda dopo il fallimento. Hanno ricominciato in una delle sedi precedenti, in Ellis Street a Mountain View, insieme a vecchie e nuove ricette (si pensi al prosciutto affumicato con chutney di finocchi, mele e cipolle). E sì, i biscotti sono tornati.