Terni 4.0, il contributo della Cgil tra area di crisi complessa e Industria 4.0

All'incontro ternano anche il segretario nazionale Colla

Terni 4.0, il contributo della Cgil tra area di crisi complessa e Industria 4.0. All'incontro ternano anche il segretario nazionale Colla
Terni 4.0, il contributo della Cgil tra area di crisi complessa e Industria 4.0. All'incontro ternano anche il segretario nazionale Colla

Terni 4.0: il contributo della Cgil tra area di crisi complessa e Industria 4.0 TERNI – Collegare strumenti e risorse disponibili, a partire dal binomio area di crisi complessa e Industria 4.0, per ripensare un sistema industriale attraverso un progetto di sviluppo complesso.

La Cgil di Terni ha presentato oggi, 15 febbraio, in una gremita sala convegni del Garden Hotel (circa 300 partecipanti) il suo documento “Terni 4.0”, un contributo “aperto” al dibattito che si dovrà aprire in tutta la comunità ternana sulle opportunità offerte dallo strumento (“non taumaturgico, ma importante”) dell’area di crisi complessa, in combinato disposto con altri strumenti, quali la programmazione dei fondi europei e le risorse per la ricostruzione post terremoto.

Nel documento – frutto di una efficace collaborazione tra il sindacato, l’Ires Cgil Umbria e alcuni esperti e studiosi esterni – si parte dalla considerazione del fatto che l’area ternana è uno dei territori a maggiore vocazione industriale d’Italia (il peso del manifatturiero è doppio rispetto alla media nazionale), con una forte presenza delle multinazionali. Di qui la necessità di “mantenere innovando”, attraverso alcune azioni prioritarie.

In primo luogo, la Cgil propone una “mappatura delle realtà presenti nel territorio”, un lavoro già avviato dallo stesso sindacato (in particolare dalle categorie Fiom e Filctem) e attualmente “work in progress”. Accanto alla mappa, secondo il sindacato, è necessario costituire al più presto un “gruppo tecnico di lavoro” basato fondamentalmente sul mondo delle imprese e del lavoro.

Ma il documento affronta anche altri nodi importanti, dalla digitalizzazione (non casuale l’invito all’iniziativa dell’associazione U-Smart, che raggruppa aziende del settore ICT) alla formazione, alla tutela dell’ambiente, infrastrutture e, naturalmente, alla tutela dell’occupazione.

“La proposta della Cgil per Terni ha un’anima – ha detto il segretario della Cgil nazionale, Vincenzo Colla, nel suo intervento conclusivo – perché indica un percorso preciso, quello di governare l’innovazione, di governare una nuova rivoluzione industriale che sarà molto più impetuosa delle precedenti e rischia di tritare altre fette molto consistenti di lavoro se non c’è un nuovo patto politico di governo di questi processi, che al momento è saltato. In quest’ottica l’operazione della Cgil di Terni con l’area di crisi complessa delinea – secondo Colla – un futuro possibile, uscendo dalla logica della compressione dei costi e dei diritti, dalla logica dei voucher, del licenziamento facile e del massimo ribasso. Ecco perché – ha concluso il segretario nazionale Cgil – accanto a industria 4.0 serve costruire un sistema territoriale a disposizione dello sviluppo”.

L’iniziativa Dopo i saluti del sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, è stato il segretario generale della Cgil di Terni Attilio Romanelli ad illustrare i contenuti del documento proposto dal sindacato. A seguire, i contributi di Cisl (Celestino Tasso) e Uil (Gino Venturi), l’intervento del segretario generale della Cgil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, i contributi di Gianluca Bellavigna dell’associazione U-Smart e di Svevo Valentinis di Eskigel Srl, quelli di Marianna Formica (Filctem Cgil) e Claudio Cipolla (Fiom Cgil). L’intervento conclusivo è stato del segretario della Cgil nazionale Vincenzo Colla.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*