Narni, una cittadinanza onoraria, ma a maggioranza

Cosa abbia fatto Edgar Morin per Narni, nessuno lo sa o pochi addetti ai circoli ristretti evidentemente che contano

Narni, una cittadinanza onoraria, ma a maggioranza
Edgard Morin

Narni, una cittadinanza onoraria, ma a maggioranza

da Sergio Bruschini (Capogruppo di Forza Italia al Comune di Narni)
NARNI – È sì a Narni succede anche questo. La maggioranza propone la cittadinanza onoraria, la massima onorificenza che una città può offrire ad un cittadino e la vuole imporre con il solito metodo del comando io ed i miei numeri. Si contraddice lo spirito invece della cittadinanza onoraria appunto che dice più o meno così:

La “Cittadinanza Onoraria” costituisce un riconoscimento onorifico per chi, non essendo iscritto nell’anagrafe del Comune, si sia distinto particolarmente nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dei diritti umani, dell’industria, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico o in opere, imprese, realizzazioni, prestazioni in favore degli abitanti di Narni e il consiglio tutto gli riconosce i meriti.

Cosa abbia fatto Edgar Morin per Narni, nessuno lo sa o pochi addetti ai circoli ristretti evidentemente che contano. Allora perché non Francesco Alberoni, riconosciuto il più grande sociologo italiano?

Appunto perché no?!

Di fatto non esiste un metodo un regolamento, quindi niente impediva di sceglier altro e o addirittura proporli entrambi. Eh no, non sia mai che la maggioranza non applica il suo stigma, niente deve essere fatto che propone la minoranza, sia mai poi Bruschini e Forza Italia.

Assurda ancorché ridicola la motivazione, della cittadinanza e l’attinenza con la città, in commissione consigliare, riunita per discutere l’argomento e trovare una condivisione unanime, ci hanno detto il suo ruolo per Narni è stato quello che lo scorso anno in occasione dell’edizione 0 del festival della sociologia  si è collegato in video conferenza !!!!

Un contributo del tutto virtuale.!!!

Che tra l’altro rischia di ripetersi anche quest’anno visto che non ha ancora garantito la sua presenza al prossimo festival. Abbiamo sostenuto come gruppi di minoranza che una cittadinanza onoraria deve essere conferita da tutto il consiglio condividendone, valori e motivazioni. No a Narni, un cittadino onorario avviene su proposta non si sa di chi…è votato a maggioranza.

Caro Edgard Morin lei  è sicuramente un grande, i suoi meriti internazionali non si discutono ma a Narni il lavoro svolto male, da parte di assessori nuovi “che vantano conoscenze alte perché semplicemente laureati” e consiglieri di maggioranza a voto a perdere,”hanno bloccato ogni dialogo, ogni sociologico modo di compartecipare su valori comuni. La sua figura è stata divisiva, purtroppo non per colpa sua ma di chi l’ha malamente utilizzata. Ci vediamo alla consegna dell’onorificenza!

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*